ISSN 2039 - 6937  Registrata presso il Tribunale di Catania
Anno XIV - n. 05 - Maggio 2022

  Ultimissime



Ravvisabilità nel processo amministrativo un diritto del ricorrente ad ottenere il rinvio della trattazione della causa. Pronuncia del CGARS.

   Consulta il PDF   PDF-1   

CGARS, sent. del 31 gennaio 2022, n. 153.

Non è ravvisabile nel processo amministrativo un diritto del ricorrente ad ottenere il rinvio della trattazione della causa

Nell'ordinamento processuale vigente non esiste norma giuridica o principio ordinamentale che attribuisca alle parti in causa il diritto al rinvio della discussione del ricorso, fuori dai casi tassativi di diritto a rinvio per usufruire dei termini a difesa previsti dalla legge. Al di fuori di tali ipotesi, le parti hanno solo la facoltà di illustrare le ragioni che potrebbero giustificare un eventuale differimento dell'udienza. Ciò in quanto alle parti spetta la disponibilità delle proprie pretese sostanziali e, in funzione di esse, del diritto di difesa in giudizio, ma le stesse non hanno anche la disponibilità dell’organizzazione e dei tempi del processo, che compete al giudice, al fine di conciliare e coordinare l’esercizio del diritto di difesa di tutti coloro che si rivolgono al giudice. La decisione finale sui tempi della decisione della controversia spetta al giudice, e la domanda di rinvio deve fondarsi su “situazioni eccezionali” (come recita il comma 1-bis dell’art. 73 c.p.a.: “Il rinvio della trattazione della causa è disposto solo per casi eccezionali, che sono riportati nel verbale di udienza (…)”). Tali situazioni eccezionali possono essere integrate solo da gravi ragioni idonee a incidere, se non tenute in considerazione, sulle fondamentali esigenze di tutela del diritto di difesa costituzionalmente garantite, atteso che, pur non potendo dubitarsi che anche il processo amministrativo è regolato dal principio dispositivo, in esso non vengono in rilievo esclusivamente interessi privati, ma trovano composizione e soddisfazione anche gli interessi pubblici che vi sono coinvolti. 

Nella specie, la motivazione indicata nella istanza di rinvio (deposito di un documento non ritenuto essenziale ai fini del decidere) non rientra tra quelle che potrebbero giustificare un eventuale differimento.