ISSN 2039 - 6937  Registrata presso il Tribunale di Catania
Anno XI - n. 10 - Ottobre 2019

  Ultimissime



Sezioni Unite: il divieto di restituzione ex art. 324 c.p.p., in caso di annullamento del decreto di sequestro, è riferito soltanto al prezzo del reato.

   Consulta il PDF   PDF-1   

Corte di Cassazione, SS.UU., sent. n. 40087 del 4 ottobre 2019.

Con la pronuncia in esame le le Sezioni Unite della suprema Corte hanno affermato che il divieto di restituzione di cui all’art. 324, comma 7, cod. proc. pen. opera anche in caso di annullamento del decreto di sequestro probatorio e che tale divieto riguarda le cose soggette a confisca obbligatoria ex art. 240, secondo comma, cod. pen. ma non anche le cose soggette a confisca obbligatoria contemplata da previsioni speciali, con l’eccezione del caso in cui tali previsioni richiamino l’art. 240, secondo comma, cod. pen. o, comunque, si riferiscano al prezzo del reato o a cose la cui fabbricazione, uso, porto, detenzione o alienazione costituisce reato.