ISSN 2039 - 6937  Registrata presso il Tribunale di Catania
Anno XII - n. 04 - Aprile 2020

  Ultimissime



Cassazione: è rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 18-bis, legge 22 aprile 2005, n. 69.

   Consulta il PDF   PDF-1   

Corte di Cassazione, Sez. VI, Ord. 10 371 del 19 marzo 2020.

La Sesta sezione ha dichiarato rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 18-bis, legge 22 aprile 2005, n. 69, come introdotto dall’art. 6, comma 5, lett. b), della legge 4 ottobre 2019, n. 177, in riferimento agli artt. 3, 11, 27 comma 3, e 117 comma 1, Cost., nella parte in cui non prevede il rifiuto facoltativo della consegna del cittadino di uno Stato non membro dell’Unione europea, che legittimamente ed effettivamente abbia residenza o dimora nel territorio italiano, sempre che la Corte di appello disponga che la pena o la misura di sicurezza irrogata nei suoi confronti dall’autorità giudiziaria di uno Stato membro dell’Unione europea sia eseguita in Italia, conformemente al suo diritto interno.