Giurisprudenza Amministrativa



L'abrogato istituto del rinnovo ex art. 1, comma 2, D.L. 400/1993 della concessione demaniale turistico-ricettiva: tra rinnovo e proroga

di ANDREA C. ROMANO
   Consulta i PDF   PDF-1   PDF-2   

NOTA A CONSIGLIO DI STATO – SEZIONE SESTA,

SENTENZA 3 dicembre 2018, n. 6853

L'abrogato istituto del rinnovo ex art. 1, comma 2, D.L. 400/1993 della concessione demaniale turistico-ricettiva: tra rinnovo e proroga.

Di ANDREA C. ROMANO

Abstract: A differenza della proroga della concessione, che determina il prolungamento – senza soluzione di continuità – della durata della concessione in essere, il suo rinnovo integra gli estremi di una nuova concessione che si sostituisce alla precedente oramai scaduta, determinando ipso iure la devoluzione a favore dello Stato delle opere non agevolmente rimuovibili realizzate dal concessionario nel periodo d’efficacia della concessione scaduta – fatta poi oggetto di rinnovo – che sono acquisite con effetto legale automatico al demanio statale.