ISSN 2039 - 6937  Registrata presso il Tribunale di Catania
Anno XI - n. 10 - Ottobre 2019

  Ultimissime



Concorso per l’assunzione di 2.329 funzionari giudiziari. Cosa c’è da sapere.

Il Ministero della Giustizia ha ufficializzato il bando di concorso finalizzato all’assunzione di 2.329 funzionari giudiziari che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, quarta serie speciale, venerdì 26 luglio 2019.

Il concorso sarà gestito dalla Ripam, ed è volto all’inserimento di 2.329 unità di personale non dirigenziale per il profilo di funzionario, da inquadrare nell’area funzionale terza, fascia economica F1, nei ruoli del personale del ministero della Giustizia.

I 2.329 posti messi a concorso saranno così ripartiti:

- 2.242 funzionari giudiziari per l’Amministrazione giudiziaria, destinati agli uffici giudiziari

- 67 funzionari amministrativi nei ruoli del Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità

- 20 funzionari dell’organizzazione e delle relazioni nei ruoli del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria

Il trenta per cento dei posti messi a concorso sarà riservato ai volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate congedati senza demerito ovvero durante il periodo di rafferma, ai volontari in servizio permanente, nonché agli ufficiali di complemento in ferma biennale e agli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta, ove in possesso dei requisiti previsti dal bando.

I requisiti richiesti per la partecipazione al concorso sono: il possesso, per ciascuno dei profili ricercati, “della laurea (L) o del diploma di laurea (DL) o della laurea specialistica (LS) o, della laurea magistrale (LM) o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente”, in discipline come Giurisprudenza, Scienze Politiche, Economia ect.

La procedura selettiva, come disposto dal bando di concorso, prevede:

  • prova preselettiva (da effettuarsi qualora il numero dei candidati che abbiano presentato domanda di partecipazione al concorso sia pari o superiore a tre volte il numero dei posti messi a concorso)
  • una prova scritta
  • una prova orale

Le materie oggetto delle prove saranno: diritto amministrativo, diritto processuale civile, diritto processuale penale, ordinamento penitenziario, diritto amministrativo, diritto del lavoro, contabilità di Stato, ordinamento penitenziario.

Le domanda di partecipazione dovranno pervenire entro il 9 settembre 2019 e potranno essere presentata solo telematicamente sul sito https://concorsipersonale.giustizia.it.

Il link del bando di concorso:

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/concorsi/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2019-07-26&atto.codiceRedazionale=19E08819